martedì 27 agosto 2013

Nani, Kolarov, Biabany o Zuniga? Di cosa ha bisogno la Juventus?

La Juventus ha iniziato la nuova stagione ufficiale nel migliore dei modi.
Dopo un calcio di agosto, fatto di tornei per gli sponsor e per le pubbliche relazioni, di minima importanza in cui la squadra ha faticato per gli ovvi carichi di lavoro, arrivati alle partite che contano i bianconeri hanno fatto ciò che dovevano fare.

Come già evidenziato in un precedente post (http://bit.ly/19W5pQi), non mi piace quando il calcio mercato diventa l'interesse numero 1 del tifoso o del giornalista in un modo ossessivo e onestamente privo di reali contenuti tecnici.
Questo non significa che non si possa fare una riflessione a mente fredda dei possibili miglioramenti tecnici che possono essere apportati operando in questa ultima, decisiva, finestra di mercato.
I tempi per muoversi sono fino al 2 di settembre. Poi si dovrà attendere la finestra di mercato di gennaio (anche se io personalmente non sono molto favorevole al cosiddetto mercato di riparazione. Chiamatemi nostalgico ma mi piaceva molto quando, anni fa, un giocatore che vestiva una maglia non poteva cambiarla fino all'anno successivo. Così i presidenti pasticcioni sono anche costretti a scegliere i propri giocatori con maggiore cura anzichè acquistare a vanvera consapevoli che dopo pochi mesi si può rimediare.....).

Di cosa ha bisogno la Juventus? Personalmente, io che sono un fautore del cambiamento del modulo a seconda delle situazioni (l'imprevidibilità paga e sopperisce alla difficoltà nel memorizzare tutti gli schemi), mi piacerebbe vedere in squadra alcuni elementi di grande spessore tecnico.
Giocatori che possano saltare l'uomo nell'uno contro uno, situazione di gioco che sembra stia diventando rara e preziosa come un giacimento d'oro. O di "Diamanti"...........
A parte il gioco di parole, l'idea di poter schierare un 4-3-3 in cui abbiamo 2 attaccanti di movimento e con il dribling facile (Tevez, Vucinic e ......... chi?) mi solletica molto. Non piace a Conte perchè la sua idea è che senza giocatori che riescano a ripiegare si corre il rischio di rimanere scoperti.

Da settimane giornali e tifosi puntano il dito sulla mancanza di un altro esterno capace di saltare l'uomo e crossare. La verità è che Asamoah è molto diligente e comunque con un potenziale inespresso ma non è in effetti nato per essere un laterale puro. Come un Kolarov o uno Zuniga. Ora di quest'ultimo si parla spesso in zona Vinovo. O meglio, se ne parla tanto (troppo) sui giornali. Rinnova - non rinnova. Insomma tutto molto gonfiato e inutile. Da un punto di vista tecnico, nonostante le affermazioni di alcuni giornali per cui il colombiano sarebbe un oggetto del desiderio di Conte, non credo che il valore del giocatore sia tale per cui doversi strappare i capelli se non arriva. Primo non è un mancino naturale (come Kolarov), secondo non ha tutta l'esperienza internazionale che servirebbe per fare veramente il salto di qualità (come Kolarov).
Da questa mia affermazione si capisce bene quale siano le mie preferenze.
Anche se è sempre una questione di costo.
Zuniga a parametro zero è un ottimo acquisto. Anche a 2,5 milioni di euro l'anno (facciamo 2........).
Zuniga a 10 milioni o con lo scambio alla pari con Matri, assolutamente no.

Si parla anche di Nani, attaccante di fascia e di Biabany. Tra i 2 il paragone non si pone e sicuramente il portoghese appare una scelta di maggiore qualità rispetto al giocatore del Parma. Che ha dalla sua forse la velocità ma difetta di personalità e di carisma internazionale.

Il rientro di Pepe (visto da me come un acquisto) rinforza la fascia destra. Avremmo a questo punto Lichsteiner e Pepe a dividersi le partite con la possibilità di inserire Padoin in casi di estrema necessità. Ovviamente faccio finta che Isla non sia più un giocatore della Juventus perchè credo che non appena Conte verificherà il pieno recupero di Pepe, il giocatore cileno non avrà più motivo per rimanere a Torino. Troppe le occasioni perse per poter continuare a puntare su di lui. Poi, come spesso capita nel calcio, magari Isla va all'Inter ed esplode. Capita. Nuovi stimoli, si ricomincia da zero con la fiducia dell'allenatore...... E' successo a parti invertite con un certo Edgar Davids: un brocco al Milan, una furia e un pilastro nel centrocampo della Juventus.

A sinistra abbiamo così Asamoah e quello che manca è un sinistro naturale con la propensione al cross e a saltare l'uomo. E questo già si sapeva.

Forse, sarebbe una chicca poter disporre di un altro attaccante. Se io potessi dire qualcosa a riguardo firmerei subito nel dar via Sebastian Giovinco (mi scuserà ma ancora non ho capito se è un giocatore da Juve, da QUESTA Juventus) e prendere un giocatore come Alessandro Diamanti.
Lo butti lì, anche a 30 minuti dalla fine della partita, dietro le punte e ti sconquassa la difesa.
Concordate?
Forza Juventus.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...